Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna
« CLICCA PER INFO +39 051 544251 »

Gabriella Bannò

Arrivo a Watamu 31.01.19

Pubblicato il . Sezione: Gabriella Bannò

Oggi festa di San Geminiano con Modena nella neve e noi qui a Watamu in costume da bagno immersi nell’umidità dell’Oceano Indiano dalle spiagge bianchissime e gli abitanti scurissimi.
Qui i nativi ci chiamano ” le mozzarelle” e ci parlano in italiano eppure questo non mi fa sentire a casa come è successo a Nairobi.
La dimensione di Watamu è quella di un turismo che non mi è consono anche se condivido la necessità di un riposo dopo un’esperienza così forte come quella con le mamme del Baba Dogo Health Center. Anche l’ incontro con Angelo della ONG “l’Africachiama ” o quello con Padre Kizzito comboniano della Shalom House che si occupano dei ragazzi di strada che vivono degli slums mi ha mostrato una forza e un impegno sia dei volontari sia dei kenioti che mi fa ben sperare nella possibilità di un mondo migliore. Ascoltando la notizia di altre 140 o più persone morte in mare alla ricerca di una vita meno tragica, di fronte all’ottusita dei governi europei che si ostinano a parlare di numeri e non di persone mi cresce la disperazione e un senso di impotenza. Qui in Kenya vedere che la.gente pur nella povertà non si perde d’animo, non si arrende ed è disposta a fare di tutto pur di sopravvivere mi fa pensare che, nonostante tutto, ce la possiamo fare se manterremo il cuore aperto insieme alle frontiere. Vorrei ripetere a Salvini e a quanti la pensano come lui le parole che qui a Watamu mi ha detto un nostro “accompagnatore turistico ” mostrandomi i sandali di cuoio che si era fatto da sé con l’aiuto della madre e una statua di legno che aveva scolpito e che voleva vendermi:” È la fame che ci fa lavorare e imparare a fare le cose”.
Queste parole me le porterò in Italia scolpite nel cuore.
Gabriella

Quello che è successo in Africa in questi giorni l'abbiamo vissuto insieme... questi racconti sono simili quando narrano i fatti, ma diversi per ognuno di noi

Maddalena Monari

Una parte di me già conosciuta, esplorata, toccata tutte le volte che mi sono innamorata...

Leggi »

Daniele Martini

Ho cercato di vivere questa esperienza il più profondamente possibile...

Leggi »

Alessio Bartoli

La magia del lavoro sul corpo ha cancellato le contratture e la stanchezza regalandomi stabilità e tranquillità .

Leggi »

Carmen Garbari

Il desiderio di abbracciarle, di aiutarle a stare insieme porta un’emozione che mi travolge, che mi porta a sognare…

Leggi »

Gabriella Bannò

Fare gruppo ci ha permesso di consapevolizzare ed esternare le nostre emozioni, paure, angosce, speranze…

Leggi »

Oriana Serra

Dall’Africa porto a casa la BELLEZZA. La bellezza della natura e dei colori, delle tante “regine di Saba” incontrate …

Leggi »

Paola Manzini

In ogni viaggio mi conosco sempre un po’ di più…è una opportunità non solo di incontrare una terra…

Leggi »

Paola Morelli

E’ stato il viaggio più intenso e più forte che ho fatto, perché è stato un viaggio “dentro” l’Africa…

Leggi »

Carmen e Alessio

Una parte di cuore rimarrà sempre qui in questa terra, con le persone che abbiamo incontrato in queste due settimane.

Leggi »

Paola e Lella

È stata una emozione profonda l'impatto con i corpi di queste mamme che a parole dicevano di stare bene...

Leggi »

Richiedi Informazioni

Per qualsiasi informazione non esitare a scriverci o a chiamarci direttamente allo +39 051 544251.

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti gratuitamente alla "Newsletter" per restare sempre aggiornato su tutte le novità, eventi, conferenze del Metodo Monari, Società Scientifica e sul Monari Punto Vita.

Lettera aperta ai fisioterapisti

Scegliere di fare il fisioterapista significa scegliere di entrare in contatto col corpo di un'altra persona.

Nelle scuole di fisioterapia questo particolare passa in secondo piano lasciando spazio alle tecniche fisioterapiche, alla teoria e alla pratica, entrambe importanti e semplici da apprendere. Quello che non è semplice è l'incontro con un altro corpo, non spinti dall'eccitazione, come avviene nella sessualità, non spinti dall'amore, come avviene con le persone che amiamo, ma con un diploma in mano...

Leggi tutta la lettera