Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna Centro Monari | Bologna
« CLICCA PER INFO +39 051 544251 »

1° seduta con Maddalena Monari – Trapezio

Pubblicato il . Sezione: Sedute di Gruppo

1° seduta con Maddalena Monari

Trapezio

Il muscolo trapezio si inserisce sulla nuca, arriva fino alle spalla e scende appena sotto la fine della scapola precisamente fino alla 12a vertebra dorsale, nel processo spinoso. Il processo spinoso è un peduncolo osseo attaccato al corpo della vertebra posteriormente e si sente toccandosi le vertebre.
Il trapezio muove la testa, la spalla e la scapola. Ogni muscolo ha due o più inserzioni, per muovere un’articolazione ha bisogno di tenere fermo un capo del muscolo (punto fisso) e di muovere l’altro (punto mobile). Quando la scapola è molto vicina alla colonna e la spalla è indietro a causa della contrattura del fascio medio, avremo una forma del corpo con le spalle più strette rispetto alla forma fisiologica: la distanza da spalla a spalla dovrebbe misurare 1⁄4 della nostra altezza.
Spalle strette e alzate sono il sintomo di una contrattura del trapezio superiore, il cui principale movimento è alzare le spalle, e di una minore libertà del trapezio inferiore nell’abbassarle. La forma delle spalle stringe il torace e ancora una volta non dà la possibilità al diaframma di fare il suo lavoro. Essere stretti nel torace porta anche un minore movimento dei muscoli intercostali e del gran dorsale che comunicano con i fasci inferiori del trapezio. Questa compressione del torace è la risposta ai muscoli che hanno avuto ragioni precise per contrarsi. Queste ragioni possono dipendere da emozioni trattenute o da costrizioni del torace venute dall’esterno, come ad esempio il busto che è uno dei maggiori responsabili della compressione del torace.
Il trapezio, quando fa punto fisso sulla spalla, avvicina la testa e il tratto cervicale della colonna vertebrale dal proprio lato. Quando entrambi i trapezi si contraggono, portano indietro la testa piegando il tratto cervicale: la testa esce dal suo asse agevolando ernie cervicali.

Tratto dal libro: I Muscoli hanno un cuore

Di Maddalena Monari
ed. Editori Riuniti

Ci raccomandiamo di non mettere mai la pallina in una zona dolente. Se il dolore è solo da un lato, saltare quella zona anche dall’ altro lato.

Richiedi Informazioni

Per qualsiasi informazione non esitare a scriverci o a chiamarci direttamente allo +39 051 544251.

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti gratuitamente alla "Newsletter" per restare sempre aggiornato su tutte le novità, eventi, conferenze del Metodo Monari, Società Scientifica e sul Monari Punto Vita.

    Lettera aperta ai fisioterapisti

    Scegliere di fare il fisioterapista significa scegliere di entrare in contatto col corpo di un'altra persona.

    Nelle scuole di fisioterapia questo particolare passa in secondo piano lasciando spazio alle tecniche fisioterapiche, alla teoria e alla pratica, entrambe importanti e semplici da apprendere. Quello che non è semplice è l'incontro con un altro corpo, non spinti dall'eccitazione, come avviene nella sessualità, non spinti dall'amore, come avviene con le persone che amiamo, ma con un diploma in mano...

    Leggi tutta la lettera